simone antonelli

simone antonelli

Appassionato da sempre di natura, musica e arte… Mi son sempre sentito “libero” per quanto sia possibile esserlo al giorno d’oggi. Nel corso degli anni ho capito che l’emozione più grande è quella di condividere tutto ciò che mi fa sentire tale, così mi sono trovato a ideare nel 2013 “Camminate Fotografiche”, un contenitore in cui tutte le mie passioni trovano spazio e respiro, coltivate ogni giorno con la caparbietà di chi fa ciò che ama e che più lo rappresenta. Amo e vivo montagna, roccia e boschi da quando ne ho memoria e accompagno persone stupende ogni settimana da anni in mille diversi trekking in Italia. Musicista da sempre, ho ideato un grande festival musicale immerso nel bosco… Fotografo di professione e viaggiatore insaziabile, ho passato la vita a viaggiare per il mondo guardandolo con il mio particolare punto di vista, portandomi a casa ogni volta ricordi fatti di immagini che per me non sono solo semplici foto ricordo o “prodotti” da vendere, ma sono le mie personali emozioni… sono l’anima delle persone che ho fotografato e la pace dei luoghi che ho visto e “sentito”… tutte racchiuse in uno scatto! Emozioni da condividere appunto, attraverso la fotografia che è un po’ il mio occhio sul mondo… e portando col tempo altre persone nei miei tour “on the road” in giro per il mondo, per fare in modo che i miei viaggi non rimanessero, appunto, soltanto “miei”.

bonti

francesca (bonti) leurini

Chi sono?
Sono Francesca, in arte (quale arte?) “Bonti”.
Sono una persona instancabile e concreta, Una persona che non si risparmia,
Che affonda le mani in tutte le cose in cui trova pezzi di se’.
Arrivo a “Camminate Fotografiche” una domenica di luglio di secoli fa, in cammino come tanti altri… arrivo per rimanere perché questo mondo, i miei “pezzi”, li racchiude un po’ tutti.
E’ facile vedermi con delle stoffe in mano ad allestire e curare mostre… per poi trovarmi con una matita tra i capelli intenta a organizzare un evento, a scrivere le sceneggiature delle nostre camminate con delitto, o a dare forma a tutte quelle idee folli che di lì a poco diventeranno realtà.
Viaggio da sempre, e a fondo… tanto da sentire che la mia casa non è altro che il mondo intero, senza confini.
Sento fortemente che viaggiare sia uno stile di vita che non implica il solo atto dello spostarsi… e continuo a viaggiare ogni giorno tutti i luoghi che ho avuto la fortuna di abbracciare ed incollarmi addosso in questi anni.
Sento che condividere ciò che ho visto , provato, toccato, pensato e fatto nel mondo e nella vita sia un dono immenso e lo farò sempre con la massima cura: in ogni viaggio, in ogni evento, in ogni singolo istante che cucirò addosso a chi vorrà condividerlo con noi.
Sempre “a contatto con la carne del mondo” citando la Merini “perché lì c’è verità, lì c’è dolcezza, lì c’è sensibilità, lì c’è ancora amore”.

valentina ghini

valentina ghini

Chi ha il cuore inquieto ha buone braccia per i traslochi…Dopo una vita tra Faenza, Bologna, Milano e Bruxelles a studiare comunicazione, finalmente trovo una città in grado di adottarmi: Rimini. Qui ormai tre anni fa, mi sono imbucata per caso ad un’escursione…e son finita nella stupenda foresta di La Verna immersa nella neve fino al collo, impreparata e senza guanti ma in mezzo a mille sorrisi caldi e accoglienti. Quel gruppo di matti era Camminate Fotografiche e quel giorno è nato l’amore per questo progetto e la voglia di metterci del mio per farlo crescere e condividere tutto questo con chi sente di trovarci un pezzo di sé. Sognatrice a tempo pieno e instancabile viaggiatrice, sono sempre stata innamorata delle parole. Non solo quelle scritte o lette ma quelle ascoltate, perse, approfondite, suonate, ricercate. Scrivere è il mio modo per mettere insieme i pezzi di quello che mi circonda, condividerlo e dargli un senso. Credo che il vero motore del mondo sia il desiderio. E per me il viaggio è desiderio, di conoscere e di conoscersi, che forse è la cosa più difficile, ma senza la quale non vai da nessuna parte. Un viaggio ti chiama e io spero di essere un buon amplificatore per aiutarvi a trovare quello giusto, di cui avete bisogno in questo momento… Ho tanti viaggi nel cuore, su tutti l’Africa, un viaggio recente pieno di luce sulle strade di polvere rossa e il saluto di un anziano del villaggio che cerco di fare mio ogni giorno “se hai un solo dente in bocca usa quello per sorridere”

…i nostri tour leader…

chiara ciaschini

chiara ciaschini

Con il tempo ho imparato che il viaggio è più bello se abbiamo una casa dove tornare.
Ogni meraviglia, scoperta, sorriso che possiamo incontrare là fuori, va persa nel vento se non abbiamo un posto caldo e accogliente a cui affidarla. Invece, lì può crescere e continuare a darci brividi di vita. Quando ero piccola, appena mio padre era libero, partivamo e io mi scioglievo finalmente alla vita, all’entusiasmo, alla curiosità. Ero proprio io. Negli occhi del babbo, che se ne accorgeva, era la mia casa. Lui non c’è più ma ci sono ora tanti amicifratelli, che mi guardano con occhi simili ai suoi. Con quello sguardo buono su di noi, ogni luogo è casa, anche, anzi soprattutto, una tenda, un sacco a pelo o lo scintillante cielo stellato d’Africa o di alta montagna. Ogni persona è casa e diventa naturale e irrinunciabile guardarla con quello stesso sguardo. Due cuori battono più intensamente di uno, quattro occhi vedono meglio di due, quattro piedi vanno più lontano di due e se sono anche di più, possono anche volare! Quando ho scoperto tutto questo, è stata pura felicità, che si replica, sempre più grande, ogni volta che lo rivivo. Per questo sono qua.
Porto il mio cuore, le mie mani e i miei piedi: partiamo? È pieno di meraviglie da gustare e di emozioni da vivere là fuori!

andrea landi

andrea landi

Ciao a tutti! Mi chiamo Andrea Landi e la sintesi non è il mio forte.. Ma ci provo!
Cresciuto a vacanze settembrine sullo dolomiti e con i nonni in campagna, non potevo che finire a fare la Guida Ambientale. Dal 2014 faccio questo bellissimo lavoro, tra gli altri, iniziato con il progetto de La Romagnola Trekking, e di passi sui sentieri Italiani ne ho fatti, ma non sono mai abbastanza.
Così da ottobre 2017 ho iniziato a collaborare con Camminate Fotografiche, ed è stata proprio una bella fortuna trovare in Simone un amico con il quale condividere le stesse passioni e gli stessi sogni. E se il buongiorno si vede dal mattino.. Direi che ci aspetta una gran figata di giornata. Ho viaggiato parecchio zaino in spalla, dall’Europa al sud est asiatico, e in Africa dove ho vissuto un mese da volontario.
Da qualche mese sono diventato papà.. Di Lucky, un Westfalia del 1982 con il quale girerò l’Italia e l’Europa con un occhio diverso, e magari sarà spunto per qualche viaggio on the road da proporre.
Buoni passi e buona strada a tutti!

sara manserwild manservisi

sara manserwild

Sono Sara, abito a Rimini e lavoro come accompagnatrice turistica freelance abilitata Regione Emilia Romagna. Fortemente motivata, determinata, sono sempre pronta a nuove avventure e scoperte da condividere con tutti quelli che come me non si reputano accumulatori di viaggi ma di sensazioni ed emozioni! “ManserWild” nasce proprio dopo numerose esperienze di viaggio assai significative, che mi hanno arricchito con una personale consapevolezza e rispetto per ogni luogo visitato. Un nome che rappresenta un progetto che fa vivere le mie più grandi passioni. Amo buttarmi nell’organizzazione di ogni tipo di viaggio, che sia lungo o corto, che sia vicino o lontano, che sia naturalistico o culturale …l’importante è metterci il cuore come sempre! Dall’inizio del 2018, è iniziata una nuova avventura: dopo tante bellissime esperienze e viaggi con Camminate Fotografiche ho iniziato a collaborare con loro come tour leader…Sono estremamente grata a chiunque vorrà seguire questo mio percorso!

gianmaria tontini

gianmaria tontini

Mi presento, il mio nome è Gianmaria, ho 32 anni e vivo a Riccione da quando sono nato. Sono istruttore di pallavolo, uno sport che mi appassiona da quando sono bambino e da circa un anno mi sono buttato nel mondo della fotografia. In realtà la passione per la macchina fotografica fa parte della mia vita da ormai vent’anni ed è nata grazie a mio padre, durante i molteplici viaggi di famiglia. Amo viaggiare e sogno di poter vedere più posti possibili nel mondo. Sono una persona solare, allegra, socievole e tanto chiacchierona! Sono felice di poter prendere parte a questo progetto con Camminate Fotografiche e poter così unire le mie due più grandi passioni!

roberto foschi

roberto foschi

Viaggiare per me è un istinto..
Difficile spiegare ciò che mi spinge a partire, forse la voglia di assaporare qualcosa che non mi appartiene..
Quando viaggio amo perdermi per le strade, riempire il naso di profumi mai sentiti, la bocca di sapori mai provati, mi piace osservare tutto, mi piace parlare con persone nuove, mi piace la curiosità della gente che si incontra in giro per il mondo, spesso più forte della mia, e mi piacciono tutte quelle situazioni che si creano scambiandosi semplicemente un sorriso..
Ho mille ricordi, ma il più grande rimane quello di un viaggio in Giordania fatto proprio con Camminate Fotografiche.. Partiti per una due giorni nel Wadi Rum scopro che il nostro autista è un bambino di 11 anni.. Non ci penso un attimo e mi siedo al suo fianco… Dopo qualche chiacchiera gli passo una piccola salvietta per le mani, lui è entusiasta di questo piccolo regalo e senza pensarci troppo si sfila l’orologio che portava al polso, me lo passa e mi dice “questo è il mio regalo per te”…
Quel l’orologio appeso sopra il mio letto segna ancora l’ora del Wadi Rum.

enrico

enrico cangiotti

Ciao sono Enrico! La mia passione per i viaggi nasce fin da piccolo con un sogno, la Finlandia. Dal primo viaggio ho capito che c’è troppo fuori per non essere visto e non a caso Agostino d’Ippona disse: “il mondo è un libro e quelli che non viaggiano ne leggono solo una pagina”.
Tanti sono i luoghi che vorrei vedere dove potermi emozionare, ma soprattutto di condividere con chi, come me, non smette mai di sognare.
La partenza è l’inizio di una nuova scoperta e ogni ritorno è carico di emozioni, conoscenze ed esperienze che ci rimarranno dentro. Il viaggio per me è anche una ricerca, un confronto con le popolazioni nei loro costumi, cibi, religioni per trovare la loro identità e allo stesso tempo provare a scovare quelle similitudini che mi facciano sentire un po’ più parte di questo mondo.
Da questa ricerca nasce anche la mia passione per la fotografia, il voler trovare nella foto un ricordo dei profumi, dei colori e di tutto quello che ho potuto ammirare nel viaggio appena conclusosi anche a distanza di anni.
Nasce così la collaborazione con Camminate Fotografiche, un gruppo, una famiglia che ti accoglie a braccia aperte e con la quale puoi condividere tutto e coadiuva le mie due passioni.
Io sono pronto per il prossimo viaggio, chi viene con me?

diletta ocone camminate fotografiche

diletta ocone

Carissimi viaggiatori,
mi presento: mi chiamo Diletta, ho 31 anni e sono di Milano, ma mi piace pensare di essere una cittadina del mondo, perché è proprio il mondo ad essere la mia più grande passione!
Da subito dopo la mia laurea in relazioni internazionali e cooperazione allo sviluppo, mi sono dedicata alla scoperta di quanti più luoghi e culture potessi: ho vissuto in Ecuador e in Brasile, ho viaggiato zaino in spalla per Europa, America Latina e Asia, tornando a casa sempre con la meraviglia negli occhi e l’anima più ricca, grazie ai luoghi e alle persone incontrate sul mio cammino.     Si dice che ognuno di noi sia la somma dei posti che ha visitato e delle persone che ha conosciuto, bhè.. allora è probabile che io sia un mix di più di 25 paesi e chissà quante persone meravigliose!
È questa grande passione per il viaggi e per l’avventura che mi ha spinto a voler condividere la mia esperienza e le mie esperienze anche con altre persone, ed è così che ho conosciuto Camminate Fotografiche!
Nel 2018 ho intrapreso con loro un incredibile viaggio in Marocco… che infondo non è mai finito, infatti oggi mi porta qui a voler continuare il mio cammino con Camminate Fotografiche per molte altre avventure!
arianna

arianna zampieron

Se la mia vita fosse stata un viaggio, i primi 30 anni li avrei sicuramente passati a preparare la valigia. Organizzare, pianificare, incastrare, per poi svuotare tutto e ripartire da capo, ancora e ancora una volta. Mai realmente convinta e soddisfatta. Mai realmente pronta ad affrontare gli ostacoli che mi aspettavano lungo il percorso.
Poi un giorno di circa un anno fa, tra un paio di calzini in più e una felpa di riserva (che non si sa mai!), ho capito che non sarei mai riuscita a trovare quello che cercavo stando ferma a pianificare e prevedere imprevisti. Ho capito che se la mia vita fosse stata realmente un viaggio era decisamente arrivato il momento di partire, buttarmi e soprattutto di farlo con un zaino il più possibile leggero..dovevo svuotarlo di tutto quello che avevo cercato di incastrarci per anni e fare spazio a tutto quello che la vita, quella vera, era pronta a donarmi.
Quel giorno, ovviamente, coincide con il momento in cui la mia strada ha voltato improvvisamente l’angolo e i miei piedi si sono trovati, quasi senza accorgersene, a camminare a fianco di tanti altri piedi dagli scarponi consumati e sorridenti. Piedi pazzi che scalano montagne, oltrepassano confini, attraversano torrenti e si fanno chiamare Camminate Fotografiche!
Oggi, con il cuore gonfio e le mani tremanti, posso dire di essere finalmente pronta ad affrontare qualsiasi splendido imprevisto che ogni viaggio deciderá di donarmi, senza timori e preoccupazioni, ma solo con un sorriso sgargiante, una buona dose di caparbietà, e l’entusiasmo di poter condividere ogni emozione con chi deciderá di percorrere un pezzettino di strada al mio fianco!

omar tour leader camminate fotografiche

omar tizzoni

“La vita non si sceglie papà, la si vive” (cit. Daniel Avery – The Way).

Parole a me molto care, che rievocano il ricordo del viaggio crocevia della mia vita.
Un viaggio zaino in spalla che ancora brilla dentro me, come le stelle risplendono nelle buie notti del deserto.
Passo dopo passo ho scoperto la differenza tra rimanere sulla confortevole, sicura strada della vita che scegliamo di vivere e prendere lo sconosciuto, impervio sentiero della vita che viviamo.
E fu così, che il sopito sogno si destò lentamente dal lungo sonno: il Viaggio da cittadino del Mondo.
Perché il Viaggio…
È l’incanto dinnanzi la maestosità e lo splendore della Natura.
È vivere i popoli e le culture che abitano il Pianeta.
È lo spirito di avventura e il sapore della grande impresa.
È l’espressione del cambiamento e della ricerca di sé stessi.
È spogliarsi delle Cose per abbracciare il Tempo.
Perché il Viaggio…
Parla di fisico e spiritualità.
Racconta di storie, incontri, persone.
Narra di amori, addii, sentimenti.
Ogni Viaggio possiede e costudisce i suoi.
Perché il Viaggio è qualcosa di più profondo di quanto io possa esprimere con le parole.
Partite! Non importa quale sia il luogo o quanto lontana sia la meta, ma partite e sarete parte di queste righe.

chiara bertacco

chiara bertacco

Naturalista di formazione e per smisurata passione, amante della fotografia e dei viaggi, adoro immergermi in un bosco di faggio quanto in un mercato tradizionale. Dal 2018 sono guida ambientale escursionistica e questo splendido lavoro mi permette di fare quello che amo di più: stare all’aria aperta, condividere emozioni e sensazioni, cercando di far comprendere a chi mi segue l’immenso valore della Terra che ci ospita.
Il mio incontro con Camminate Fotografiche lo voglio raccontare così, per vie traverse:
Era il 2011 e mi stavo per diplomare in scienze sociali. La mia tesina si intitolava “Prigionieri della civiltà”: mi ero fatta ispirare da una storia di cui mi ero innamorata, quella del giovane Christopher McCandless, che tutti conosciamo grazie al film “Into The Wild”. La mia tesina parlava di anticonformismo, di desiderio di liberarsi dalle catene delle convenzioni che la società ci impone, ma soprattutto parlava di ricerca di una vita autentica e pura, perché (cito Chris) “il vero nucleo dello spirito vitale di una persona è la passione per l’avventura”. Ecco, in Camminate Fotografiche ho ritrovato proprio questo: voglia di muoversi, di esplorare, di conquistare nuovi orizzonti e, dato che “happiness is only real when shared”, tutto ciò riesce ancora meglio se si è in ottima compagnia! Insomma, è stato amore a prima vista e non potevo non farmi trascinare in questo vortice meraviglioso… e dunque eccomi qui, prontissima a vivere nuove entusiasmanti avventure… INSIEME!

marco bargellini

marco bargellini

Era ottobre 2016 quando mi sono imbattuto in questo gruppo chiamato “Camminate Fotografiche”, nelle Foreste Casentinesi. Da qui, la mia storia insieme a loro continua nel Circolo Polare Artico, quando mi imbarco per le Lofoten, si scende fino al tropico del Cancro (India) e del Capricorno (Namibia).
Prima di queste partenze vedevo il viaggiare con le altre persone come una zavorra, qualcosa che mi potesse limitare, non come qualcosa che mi potesse completare e ampliare… E poi arrivò il giorno in cui Simone mi chiese “Sei libero a Ferragosto?”… e io: “Non so perché me lo chiedi, ma ti rispondo Si!” Da allora non sono più “Loro”, ma “Noi”. Un attimo: dalla regia mi dicono che sto finendo lo spazio a disposizione e non ho praticamente detto nulla di me (tipico).
Sono Marco, classe 86, romagnolo doc, amo la natura e gli animali, soffro tremendamente di vertigini (e non dite che è voglia di volare, perché è paura di cadere e basta), ho un umorismo travolgente, mi piace moltissimo fotografare e, ovviamente, viaggiare. Viaggiare mi ha permesso di conoscere persone in un modo che altrimenti non avrei mai fatto: perché il legame che si instaura con i compagni di viaggio è qualcosa di unico che va oltre le distanze e il tempo, qualcosa che mancava nella mia vita e di cui adesso non riesco più a fare a meno. Partiamo?
chiara teodorani

chiara teodorani

Ogni viaggio lo vivi tre volte: quando lo sogni, quando lo vivi e quando lo ricordi
(Anonimo)
Sono Chiara e ho 29 anni. Non c’è un momento esatto nella mia vita in cui ho iniziato a viaggiare.
In realtà lo faccio da sempre, da quando ero nel pancione della mamma.
Ero quella che aveva la fortuna di fare più di un viaggio all’anno con i propri genitori. Sono stati loro a trasmettermi l’amore per la scoperta e la conoscenza. Solo che uno tira l’altro, e quando inizi non riesci più a fermarti! E non appena ne ho avuto le possibilità, ho coltivato in modo esponenziale i miei sogni.
E in uno di questi ho conosciuto questa fantastica famiglia e quello che volevo era diventarne parte.
Sono una viaggiatrice perché il lato finestrino è il mio posto preferito, perché i ricordi sono i migliori souvenirs che si possano conservare, perché la collezione a cui tengo di più è quella dei timbri sul passaporto, perché mi sento a casa solamente in aeroporto, perché sul volo del rientro penso già al prossimo viaggio.
Perché viaggiare rende liberi, fa capire quanto è bello essere se stessi, fa crescere e allontana paure, dà una forza assurda che neanche pensavi di avere.
Rende possibile ciò che sembrava impossibile. E questo grazie alla condivisione con persone che amano la stessa cosa, all’essere un gruppo!

diana facile

diana facile

Ciao a tutti! Sono Diana, per gli amici La Globetrotter. Il perché è facilmente intuibile.
Ho iniziato a girare il mondo in tenera età consumando gli occhi davanti a un atlante e poi, non appena ho potuto, mi sono caricata tenda e zaino sulle spalle e al posto degli occhi ho iniziato a consumare le suole delle scarpe.
La mia ansia di scoprire, conoscere e arricchirmi non si è attenuata con gli anni, tutt’altro, e cosi ho deciso di diventare una viaggiatrice part-time facendo del viaggio il mio stile di vita. Da tempo ormai trascorro vari mesi l’anno sulle strade del mondo cercando di vivere il paese che visito nelle sua intimità, a contatto con la gente. A volte ci riesco alla grande, altre meno, ma da ogni luogo porto a casa qualcosa.
Qualche mese fa ho deciso di condividere questo qualcosa con altri viaggiatori e la strada mi ha condotta a Camminate Fotografiche. Che dire? È stato amore a prima vista ed eccomi qui a far parte di questa meravigliosa community che, come me, ritiene che il tempo speso viaggiando sia il tempo speso meglio.
Se vuoi saperne di più vieni a visitarmi sul mio blog, La Globetrotter, in cui racconto il mondo come lo percepisco. Nella sua estrema bellezza ricca di contraddizioni…

lorenzo garatti

lorenzo garatti

Ciao sono Lorenzo, Lorre per chi incrocia il mio sentiero.
Sono geologo e originario di Erba, un paesino perfettamente in mezzo tra Como e Lecco. Mi sono trasferito in Romagna quasi 8 anni fa e oltre che lasciare famiglia, affetti e gli amici più cari ho lasciato quello che di più sacro ho nel cuore: le mie montagne, sulle quali ho passato trenta anni della mia vita (venti dei quali con il CAI). Faccio parte dell’Associazione Culturale di Improvvisazione Teatrale AttiMatti da 5 anni, e grazie all’improvvisazione ho incontrato per caso il gruppo di Camminate Fotografiche. È stato amore a prima vista! Sono 2 anni che cammino con loro e ogni volta è come la prima volta. Camminare in montagna per me è come tornare allo stato primordiale dell’esistenza. Osservo, guardo, studio, cerco e rispetto quel suolo come qualcosa di realmente sacro. Camminare è un po’ come viaggiare: se cammini solo con i piedi e osservi solo con gli occhi non saprai mai su che sentiero stai camminando, su che sentiero la tua anima sta viaggiando.
samuele marziali

samuele marziali

Ciao, sono Samuele e vivo a Coriano, in provincia di Rimini e fin da piccolo la mia famiglia mi ha insegnato a viaggiare ed amare la natura.
A quel tempo non ho mai visto l’interno di un albergo, i viaggi erano esclusivamente in tenda e campeggio… Una volta diventato adulto ho capito lo stretto collegamento tra natura e felicità. Viaggiare per tornarne migliorati, viaggiare per abbracciare gli imprevisti, alzare gli occhi al cielo e rivoluzionare i piani…….spalancare la porta alla fortuna, all’inaspettato, all’assurdo; lasciandosi trasportare dal flusso, sorridendo .Tutto questo lo condivido con Camminate Fotografiche e Viaggi d’Autore, perché nel viaggio non è importante la meta …ma quanto ti diverti raggiungendola!

marco pari

 marco pari

Mi sono reso conto che fare le cose con passione ha tutto un altro senso, ho deciso di dare più sapore alla mia vita dedicandomi alla produzione di birra artigianale, una passione che coltivavo da anni.
L’altra mia passione è quella dei viaggi, sono una persona curiosa e mi piace scoprire cosa si aspetta fuori dalla porta di casa.
Viaggiare per me è divertimento, allegria, vivere ogni momento a pieno e godermi tutto quello che un viaggio mi può dare.
Il mio obiettivo primario da tour leader e quello di fare star bene le persone che accompagno, garantendo sicurezza e allegria a 360°!
Partite con me!

martino mazzotti

martino mazzotti

Una delle cose più belle della vita, per me si chiama semplicità, che nella sua forma più limpida e brillante si manifesta attraverso la natura.
Il mio grande amore verso essa, da sempre mi spinge alla ricerca di un paesaggio mozzafiato, di una cima in alta montagna o più semplicemente di un luogo dove il mio cuore possa provare un senso di profonda pace e gratitudine. Amo sorridere e far stare bene le persone che mi stanno accanto, ho conosciuto Camminate Fotografiche per caso e questi ragazzi sono stati in grado di amplificare queste bellissime emozioni nel giro di brevissimo tempo. Non vedo l’ora di trasmettere questa energia positiva e condividerla insieme a Voi nel prossimo viaggio!

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi